Articoli

Marymount earned another prestigious certification. We were accepted into the European Blue Schools Network. There are currently only 5 schools in Italy. The recognition was awarded by the European Commission as part of their campaign #EUBlueSchools to challenge schools to explore connections to the ocean. The Network of European Blue Schools is an initiative of EU4Ocean, the European Ocean coalition that connects diverse organizations, projects and people contributing to ocean literacy and the sustainable management of it. To obtain certification schools must bring the ocean into the classroom, improve their understanding of it and develop a sense of responsibility towards our shared planet.

A multitude of threats like climate change, overfishing and pollution is putting our oceans at risk. All people on earth are connected to the ocean through what we eat and breath. The ocean is our planet’s life support system. 

Last year 3B students joined the challenge to become global agents for change and sustainability through project-based learning, collaboration and dedication. They participated in the Rethink Plastics Challenge, another free global education project launched by Take Action Global (TAG). This project involved inquiry to better understand plastics and how they are harmful, examine challenges and alternatives and create action plans for local environments. Because Italy is a peninsula our livelihood depends on our seas. 

“This project was truly inspirational and a unique opportunity for our students”, said Amy Bivin, Climate Action coordinator for Istituto Marymount and Ambassador of Italy for the Global Climate Action Project.  The students’ motto was: “You are never too small to make a big difference”. Every little action we take can make waves to save our seas!

https://webgate.ec.europa.eu/maritimeforum/en/node/6903

https://ec.europa.eu/maritimeaffairs/atlas/maritime_atlas/#lang=EN;p=w;bkgd=1;theme=572:0.8;c=505394.8366192421,5597519.078938643;z=4

BACKGROUND INFO 

The Rethink Plastics Challenge involves a process of inquiry to better understand plastics, examine challenges and alternatives, and create action plans for local environments. It is designed to guide students in grades K-12 through an inquiry experience. The activities align with our current curriculum. The problem based process involves collaboration, problem solving and critical thinking. Each week there are 3 goals. The 1st step is a Pause and Notice: students take time to pause, reflect, and notice. They examine current conditions, beliefs, perspectives, and biases. The 2nd step is Explore Possibilities: they explore all ideas and seek out inspiration. Activities include research, interviews, and requesting feedback. The 3rd step is Design with Optimism: students build on ideas as they design for action. Here they experiment, study, and create! Week 1 History and Production Goal 1: Create a mindset of innovation and inquiry. (Empowered Learners) Goal 2: Better understand the history of plastics. (Timeline) Goal 3: Understand how plastics are produced today. Week 2 Considerations and Uses Goal 1: Begin to understand your current personal relationship with plastics. (Classes and Categories) Goal 2: Better understand the common applications of plastics. (Why we use them.) Goal 3: Use a circular economy model to address end-of-life considerations for plastics. (Challenges) Week 3 Solutions and Plan for Action Goal 1: Grab inspiration from humans (and worms) taking action for the planet. Goal 2: Use Life Cycle Assessments and Design Processes to better understand the Impact of Plastic Goal 3: Use the 8 Rs to RETHINK Your Own Impact For this final phase, students will work together to take the RETHINK PLASTICS CHALLENGE creating a plan to rethink plastics using the 8Rs in one environment (class, school, home, or community).


Un altro riconoscimento importante per la nostra scuola, che è entrata a far parte dell’European Blue Schools Network grazie ad una certificazione, conferita dalla Commissione europea, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione verso gli oceani #EUBlueSchools.

Portare l’oceano in classe per comprenderne i meccanismi e immaginare nuove soluzioni per il futuro: questa è stata la sfida che ha visto coinvolti, lo scorso anno, gli alunni dell’attuale IVB i quali, guidati dall’insegnante Amy Bivin, Climate Action coordinator dell’Istituto Marymount e Ambassador of Italy for the Global Climate Action Project, si sono aggiudicati il prestigioso premio assegnato, ad oggi, a sole cinque scuole italiane.

Il Network è, infatti, un’idea di EU4Ocean, coalizione europea che comprende e connette differenti organizzazioni, enti e individui pronti a contribuire, in prima linea, all’alfabetizzazione sull’argomento.

Il percorso ha portato la classe ad approfondire e sviluppare i temi legati al mare quale supporto fondamentale per il nostro pianeta. All’insegna del motto “non si è mai troppo piccoli per fare una grande differenza”, l’ex IIIB ha partecipato alla Rethink Plastics Challenge, un ulteriore progetto educativo – a livello globale – lanciato da Take Action Global (TAG).

L’iniziativa prevedeva dei focus di approfondimento sulla plastica, su come incide nella nostra vita e nel mondo, su quali siano le possibili alternative e sugli atteggiamenti e le buone abitudini che possiamo mettere in atto per ridurre l’impatto sull’ecosistema.

Gli spunti forniti dagli studenti sono stati innumerevoli così come le proposte avanzate che, traendo ispirazione dal passato, si proiettano verso il futuro (come l’invenzione, ad esempio, di un robot per la purificazione dell’acqua).

Nel dettaglio la classe ha lavorato per gruppi confrontandosi e dialogando su cinque macro aree (Clothes, Entertainment, Food, Healthcare, Home) e individuando possibili soluzioni anche nell’uso di materiali più rispettosi dell’ambiente come il bambù.

Un cammino non solo teorico ma anche pratico, che ha condotto gli alunni a riflettere sull’economia circolare e ad adottare e stimolare, in se stessi e nella comunità, buone pratiche anche nello stile di vita quotidiano: dalla raccolta differenziata al riciclo creativo, dall’uso di bottiglie di vetro al riutilizzo delle confezioni delle uova, dalla shopping bag in stoffa – come sostituta delle buste della spesa – agli acquisti ponderati perché… : “You are never too small to make a big difference!”

A multitude of threats like climate change, overfishing and pollution is putting our oceans at risk. All people on earth are connected to the ocean through what we eat and breath. The ocean is our planet’s life support system. 

Last year 3B students joined the challenge to become global agents for change and sustainability through project-based learning, collaboration and dedication. They participated in the Rethink Plastics Challenge, another free global education project launched by Take Action Global (TAG). This project involved inquiry to better understand plastics and how they are harmful, examine challenges and alternatives and create action plans for local environments. Because Italy is a peninsula our livelihood depends on our seas. 

“This project was truly inspirational and a unique opportunity for our students”, said Amy Bivin, Climate Action coordinator for Istituto Marymount and Ambassador of Italy for the Global Climate Action Project.  The students’ motto was: “You are never too small to make a big difference”. Every little action we take can make waves to save our seas!

https://webgate.ec.europa.eu/maritimeforum/en/node/6903

https://ec.europa.eu/maritimeaffairs/atlas/maritime_atlas/#lang=EN;p=w;bkgd=1;theme=572:0.8;c=505394.8366192421,5597519.078938643;z=4

BACKGROUND INFO 

The Rethink Plastics Challenge involves a process of inquiry to better understand plastics, examine challenges and alternatives, and create action plans for local environments. It is designed to guide students in grades K-12 through an inquiry experience. The activities align with our current curriculum. The problem based process involves collaboration, problem solving and critical thinking. Each week there are 3 goals. The 1st step is a Pause and Notice: students take time to pause, reflect, and notice. They examine current conditions, beliefs, perspectives, and biases. The 2nd step is Explore Possibilities: they explore all ideas and seek out inspiration. Activities include research, interviews, and requesting feedback. The 3rd step is Design with Optimism: students build on ideas as they design for action. Here they experiment, study, and create! Week 1 History and Production Goal 1: Create a mindset of innovation and inquiry. (Empowered Learners) Goal 2: Better understand the history of plastics. (Timeline) Goal 3: Understand how plastics are produced today. Week 2 Considerations and Uses Goal 1: Begin to understand your current personal relationship with plastics. (Classes and Categories) Goal 2: Better understand the common applications of plastics. (Why we use them.) Goal 3: Use a circular economy model to address end-of-life considerations for plastics. (Challenges) Week 3 Solutions and Plan for Action Goal 1: Grab inspiration from humans (and worms) taking action for the planet. Goal 2: Use Life Cycle Assessments and Design Processes to better understand the Impact of Plastic Goal 3: Use the 8 Rs to RETHINK Your Own Impact For this final phase, students will work together to take the RETHINK PLASTICS CHALLENGE creating a plan to rethink plastics using the 8Rs in one environment (class, school, home, or community).


Un altro riconoscimento importante per la nostra scuola, che è entrata a far parte dell’European Blue Schools Network grazie ad una certificazione, conferita dalla Commissione europea, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione verso gli oceani #EUBlueSchools.

Portare l’oceano in classe per comprenderne i meccanismi e immaginare nuove soluzioni per il futuro: questa è stata la sfida che ha visto coinvolti, lo scorso anno, gli alunni dell’attuale IVB i quali, guidati dall’insegnante Amy Bivin, Climate Action coordinator dell’Istituto Marymount e Ambassador of Italy for the Global Climate Action Project, si sono aggiudicati il prestigioso premio assegnato, ad oggi, a sole cinque scuole italiane.

Il Network è, infatti, un’idea di EU4Ocean, coalizione europea che comprende e connette differenti organizzazioni, enti e individui pronti a contribuire, in prima linea, all’alfabetizzazione sull’argomento.

Il percorso ha portato la classe ad approfondire e sviluppare i temi legati al mare quale supporto fondamentale per il nostro pianeta. All’insegna del motto “non si è mai troppo piccoli per fare una grande differenza”, l’ex IIIB ha partecipato alla Rethink Plastics Challenge, un ulteriore progetto educativo – a livello globale – lanciato da Take Action Global (TAG).

L’iniziativa prevedeva dei focus di approfondimento sulla plastica, su come incide nella nostra vita e nel mondo, su quali siano le possibili alternative e sugli atteggiamenti e le buone abitudini che possiamo mettere in atto per ridurre l’impatto sull’ecosistema.

Gli spunti forniti dagli studenti sono stati innumerevoli così come le proposte avanzate che, traendo ispirazione dal passato, si proiettano verso il futuro (come l’invenzione, ad esempio, di un robot per la purificazione dell’acqua).

Nel dettaglio la classe ha lavorato per gruppi confrontandosi e dialogando su cinque macro aree (Clothes, Entertainment, Food, Healthcare, Home) e individuando possibili soluzioni anche nell’uso di materiali più rispettosi dell’ambiente come il bambù.

Un cammino non solo teorico ma anche pratico, che ha condotto gli alunni a riflettere sull’economia circolare e ad adottare e stimolare, in se stessi e nella comunità, buone pratiche anche nello stile di vita quotidiano: dalla raccolta differenziata al riciclo creativo, dall’uso di bottiglie di vetro al riutilizzo delle confezioni delle uova, dalla shopping bag in stoffa – come sostituta delle buste della spesa – agli acquisti ponderati perché… : “You are never too small to make a big difference!”

“IL RUOLO DEL MANAGER SANITARIO”CRISTINA MOSTACCHIA – GIOVEDI’ 24 MARZO 2022CLASSE 2^ C PRIMARIA

Giovedì 24 marzo 2022 l’Istituto Marymount ha avuto il piacere di ospitare la Sig.ra Cristina Mostacchia, responsabile di un Istituto Diagnostico e Riabilitativo, per una lezione speciale dedicata agli studenti della 2C.

La nostra ospite ha cominciato rivolgendo una semplice domanda ai bambini: “cos’è la salute?” D’un tratto, i giovanissimi studenti hanno cominciato a rendersi conto di quanto sia importante prendersi cura degli altri, del loro fisico ma anche della loro mente. 

Tramite lo scorrere di slides, tutti i presenti hanno potuto apprezzare come in una società moderna la salute sia assunta a principio fondamentale, tanto da essere annoverata nell’articolo 32 della nostra Carta Costituzionale. La salute è un diritto fondato su principi quali l’universalità del servizio, l’uguaglianza e l’equità. Tutti hanno diritto alla salvaguardia della salute, senza alcuna distinzione.

Fatta questa premessa fondamentale, la Sig.ra Mostacchia ha presentato la sua squadra di collaboratori, composta da personale sanitario e non, descrivendo e spiegando ai bambini in cosa consiste un organigramma aziendale e sottolineando quanto sia indispensabile cooperare in team al fine di perseguire il medesimo obiettivo: aiutare il paziente prendendosi cura di lui. 

Poi, analizzata la struttura di un’azienda, la lezione si è soffermata sui tre pilastri su cui si fonda l’intero lavoro: gentilezza, educazione e positività. Bisogna essere sempre sorridenti perché ogni giorno si incontrano persone che hanno bisogno di sentirsi comprese e motivate. Per fare ciò è davvero importante accogliere tutti sempre con un sorriso.

Quando ci si reca al lavoro – e, relativamente ai bambini, quando loro si recano a scuola – bisogna farlo pensando sempre a cosa di bello potrà accadere. Essere ottimisti è un valore aggiunto che ci aiuta ad entrare in empatia con gli altri.

Quanto è importante cominciare la giornata rivolgendo, magari ai propri compagni di classe, la domanda: “Come stai?”, oppure prenderci del tempo per ascoltare un nostro amico che è un pò triste. Ascoltare, non solo sentire, il che significa capire nel profondo lo stato d’animo ed i bisogni dell’interlocutore.

La lezione si è conclusa con una riflessione sull’importanza, altresì, della gentilezza da adottare nelle nostre azioni quotidiane. Dopo aver raccontato un gesto gentile fatto di recente nell’ambito del suo lavoro, la Sig.ra Mostacchia ha esortato i bambini a raccontare una qualche azione di gentilezza, anche semplice, che abbia potuto fare stare meglio un’altra persona e sprigionato tanta energia positiva in loro stessi. Questo sarà uno spunto di approfondimento per ciascun alunno, che sarà sollecitato a compiere atti di gentilezza, per poi raccontare in classe la propria esperienza e le sensazioni provate.

Questa giornata ci ha intimamente arricchiti in conoscenza ed emozione, oltre ad averci predisposti ad un profondo ed intenso senso di benessere emotivo, facendoci riflettere sull’impatto che hanno le nostre azioni sugli altri e su quanto il nostro comportamento possa aiutare gli altri a superare ogni momento di difficoltà.

Mai come in questo caso, la conoscenza della professionalità presentata ha fornito a tutti i presenti, e non solo ai bambini, fondamentali spunti di riflessione per la crescita e lo sviluppo emotivo e spirituale di ognuno.

Un’altra bella esperienza di comunità è stata vissuta ed un altro passo per la formazione dei nostri piccoli studenti è stato compiuto. Su questi obiettivi si fonda l’intero Programma di Enrichment.

Marina Pace

“L’Avvocato: chi è?” Vittorio Largajolli Martedi 22 MARZOCLASSE 2^ A PRIMARIA

Lo scorso martedi 22 marzo sono cominciati gli incontri di Enrichment nella classe IIA, sulla scia di quelli fatti in II C, proposti e ideati dall’Insegnante Marina Pace, ospitando il Signor Vittorio Largajolli, il quale ha illustrato agli studenti di 2^A la Sua professione in qualità di Avvocato.

L’incontro si è aperto con la presentazione di alcune slides, da parte dell’Avvocato Largajolli, su cosa significa essere Avvocato e cosa fa un Avvocato, sulla spiegazione di cosa sono le Leggi e a cosa servono e su cosa è la Giustizia e cosa significa.

I bambini hanno seguito in silenzio e grande concentrazione la spiegazione, attraverso le slides in formato cartaceo.

Poi il signor Largajolli ha proposto un gioco molto stimolante: ha chiesto ai bambini, divisi in 2 gruppi, di assumere la posizione di Avvocato difensore di due parti, entrambe meritevoli di tutela. 

La situazione (vera!) proposta, descriveva il crollo di un ponte che collegava due sponde di un fiume. Il ponte successivo percorribile, era distante parecchi km e non consentiva a quelli che vivevano sulla sponda sinistra di tornare a casa propria. Il Comune, con ordinanza di urgenza, occupava parte di un terreno con relativo ponticello medievale di un privato, al fine di permettere ai cittadini della sponda sinistra di tornare a casa con le automobili e ricevere approvigionamenti. Il cittadino che aveva subito l’occupazione si era rivolto ad un legale per presentare ricorso amministrativo, al fine di comprendere se tale atteggiamento del comune fosse giusto e poter richiedere rimedio.

Grazie all’ausilio di disegni che rappresentavano la mappa del luogo prima e dopo il crollo del ponte, i bambini si sono immediatamente appassionati e immedesimati nella vicenda, giocando il ruolo di Avvocato difensore delle due parti.

L’incontro è stato talmente avvincente che è durato più del previsto! I bambini, alla fine, hanno capito che le due parti erano meritevoli di essere tutelate e non essendoci un’apparente fine alla vicenda, si sono resi conto che era necessario l’intervento di un Giudice.

Alla conclusione dell’incontro, il signor Largajolli ha lasciato in omaggio a ciascun bambino un simpatico libro sulla costituzione. I bambini, tornati in classe, hanno voluto subito leggerne qualche riga, per poi continuare a fare domande sul ruolo dell’Avvocato che ha come principale finalità quella di difendere ciascun cittadino, a prescindere dalla sua situazione e condizione, grazie al diritto costituzionale, presente nell’articolo 24 della nostra Costituzione.

Grazie alla possibilità dell’incontro di Enrichment i bambini sono ben presto diventati parte attiva dell’incontro, calandosi, affascinati e pienamente coinvolti, nella professione loro presentata. 

Tutti hanno avuto modo di conoscere ed approfondire il ruolo importante dell’Avvocato. Ed è stato stimolante e nuovo, anche per me come insegnante, conoscere i bambini da un altro punto di vista e, immaginare, chissà, qualcuno di loro da grande diventare Avvocato. 

Il compito della Scuola, e di noi insegnanti nello specifico, è proprio quello di immaginare con loro, aprendo strade nuove, spiragli di creatività. Per un mondo migliore. Per un mondo nuovo. 

Elisabetta Scialanga

“CHI È L’OCULISTA?” ELEONORA PERROTTAMERCOLEDÌ 6 APRILECLASSE 2^ B PRIMARIA

Mercoledì 6 Aprile l’Istituto Marymount ha ospitato la Signora Eleonora Perrotta per parlare della Sua professione agli alunni della classe seconda B, che hanno partecipato al loro secondo incontro dell’ Enrichment Programme.

La Signora Perrotta, dopo essersi presentata ai bambini, ha chiesto se sapevano quale fosse la Sua professione e alcuni hanno risposto che è un medico oculista, poiché già la conoscevano, essendo la mamma del loro amico Lorenzo.

La nostra ospite ha iniziato il suo incontro dicendo ai bambini che sin da piccola era interessata a conoscere e scoprire il corpo umano e aspirava a diventare un medico specializzato nello studio e nella cura delle malattie dell’occhio.

Era rimasta affascinata vedendo la serie animata “Siamo fatti così” in cui i personaggi compiono un viaggio emozionante attraverso il corpo umano, scoprendo tutti i segreti del nostro organismo. I nostri piccoli studenti, sentendo nominare il programma televisivo, hanno riferito che anche loro lo vedono e l’atmosfera si è infittita di curiosità ed entusiasmo.

Per rendere la lezione più chiara e semplice la Dottoressa ha mostrato alcune slides e un modellino anatomico scomponibile dell’occhio, per poterlo esplorare e per conoscere le parti  che lo compongono. Ha illustrato in modo semplice l’organo della vista, così piccolo, delicato e complesso, il quale funziona come una macchina fotografica. L’uomo, grazie alla vista, riesce a percepire gli stimoli che provengono dal mondo esterno ed elaborare risposte che gli consentono di mettersi in relazione con ciò che lo circonda.

Attraverso le slides, la Dottoressa Perrotta ha illustrato le parti interne ed esterne dell’occhio e il suo funzionamento. Ha destato stupore quando hanno saputo che la pupilla è un piccolo foro che si dilata in assenza di luce e in condizioni di maggior luminosità si restringe. 

I bambini hanno riflettuto e capito come al buio l’occhio, per riuscire a vedere, deve fare un maggior sforzo e, di conseguenza, la pupilla ha bisogno di dilatarsi.

Inoltre, ha spiegato che, attraverso questo organo così affascinante, possiamo riconoscere le forme, i colori, le dimensioni, la distanza degli oggetti, la tridimensionalità.

Dopo questa prima parte di illustrazione del proprio lavoro, la relatrice ha chiesto ai presenti se fossero mai andati da un medico oculista per eseguire un esame della vista. Quasi tutti hanno riferito di averlo svolto e, mediante delle slides, hanno potuto vedere quali strumenti vengono usati durante la visita: la tavola optometrica e gli occhiali che il medico fa indossare, mettendo le varie lenti che permettono di poter stabilire gli occhiali adatti, nel caso in cui ci sia un problema visivo da correggere, e le Tavole di Ishihara, le quali consentono di valutare la presenza di alterazioni visive, per quanto riguarda la percezione dei colori.

A tale riguardo la Signora Perrotta ha donato a ogni bambino una Tavola di Ishihara: ne erano attratti e si sono concentrati a vedere i numeri che erano impressi su di essa.

Ha poi elencato i difetti visivi: miopia, ipermetropia, presbiopia, ambliopia e, sempre con l’aiuto di slides e con esempi concreti, ha chiarito la differenza tra un occhio normale, miope, ipermetrope, presbite e ambliope.

La Dottoressa si è fermata a parlare di come i dispositivi tecnologici hanno reso molti aspetti della vita quotidiana più semplici ed immediati, ma il loro uso prolungato può avere ripercussioni anche sulla salute di ognuno di noi, specialmente sulla vista e sulla qualità del sonno.

I bambini hanno manifestato un interesse crescente nei confronti delle varie informazioni e hanno partecipato apportando le loro idee e le loro esperienze nel discorso. 

La cura di sé assume un ruolo fondamentale nel determinare il nostro benessere e la qualità della nostra esistenza ed è, quindi, importante educare al rispetto della vita sin da piccoli.

Al termine dell’incontro, la Signora Perrotta ha lasciato in omaggio a ciascun bambino delle caramelle a forma di occhio.

Chissà se attraverso questo incontro così coinvolgente e con questo virtuale viaggio nel nostro corpo umano qualcuno dei nostri piccoli allievi possa seguire le orme della Dottoressa Perrotta e diventi in futuro un medico oculista che cura quello che è lo specchio dell’anima, il quale riflette le nostre emozioni, le nostre sfumature più intime e che parla più delle nostre parole.

Rosa D’Avanzo