Cenni storici

La splendida villa che ospita l’Istituto Marymount è stata eretta nel 1910 su un terreno sito in Via Nomentana, sovrastante le antiche catacombe di Sant’Agnese. Originariamente residenza di una nobile famiglia, la villa ha poi ospitato l’ambasciata russa prima della rivoluzione, per poi essere acquistata dai conti Sambuy e trasformata in loro residenza privata.

Nel 1929, durante una visita a Roma per omaggiare Papa Pio XI, Madre Butler, fondatrice delle scuole Marymount, ricevette la richiesta di istituire una sede della Congregazione del Sacro Cuore di Maria (Religious of the Sacred Heart of Mary) nella Città Eterna. La scelta cadde su questa villa, grazie alla sua vicinanza alla basilica di Sant’Agnese. Le prime suore furono inviate qui per avviare l’attività scolastica.

Inizialmente, il Collegio accoglieva giovani ragazze di buona famiglia, preparandole per la vita sociale. Nel corso degli anni, l’istituto si è espanso e, dopo la Seconda Guerra Mondiale, ha superato periodi difficili per ottenere il riconoscimento legale, che è stato confermato nel 1962.

Negli anni ’80, l’iscrizione ha continuato a crescere, accogliendo studenti di tutti i gradi: infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado, compresi gli studenti maschi. Dal 1998 l’impegno educativo è stato concentrato su un programma bilingue completo per l’infanzia, la primaria e la secondaria di primo grado. Dal 2017, è stato aperto il Liceo Bilingue Classico-Scientifico, con un curriculum avanzato che prevede otto materie insegnate in lingua inglese.

Nel 2001, il Ministero della Pubblica Istruzione ha riconosciuto la scuola come Scuola Paritaria, e il numero di studenti è cresciuto costantemente, raggiungendo oltre 1000 alunni. Dal 2016, la gestione è affidata alla Fondazione Istituto Marymount, con tre Religiose del Sacro Cuore di Maria Vergine Immacolata nel Consiglio di Amministrazione. La proprietà del campus è della Congregazione.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner