Un progetto di María Ángeles Vila Tortosa

in collaborazione con Victoria Jane O’Connor

Nell’Anno Accademico 2019-2020 abbiamo lavorato, attraverso l’arte, sui valori della conservazione del mondo nel quale abitiamo per aumentare la consapevolezza di dover preservare gli ecosistemi dallo sfruttamento umano. 

I bambini, durante il progetto, hanno anche realizzato la grande Scatola Abitata.

Il lavoro è consistito nel fare delle composizioni dei loro disegni il cui tema era legato al mondo ideale, una sorta di catalogo tridimensionale collettivo, dove emozioni e pensieri sono stati al centro della ricerca. Dopo aver foderato le pareti della Scatola abbiamo deciso di aggiungere una frase: Save the world.

Il progetto La Scatola Abitata ha sempre previsto un doppio lavoro artistico: quello della confezione plastica e quello performativo e di riflessione.

In quest’anno accademico 2021-2022, tutti  bambini delle I-II-III elementare hanno partecipato al progetto realizzando la parte performativa e riflettendo sul tema

”Salviamo il pianeta”.

All’interno della Scatola un audio, realizzato con la voce dell’insegnante Daniela Civale e accompagnato dalla musica composta dall’insegnante Ivano Guagnelli, ha fatto da couching per poter eseguire la performance. La fusione tra voce e musica ha guidato i bambini in un percorso fisico e mentale, un’opportunità di confronto, di riflessione con loro stessi e con il  mondo dove desiderano vivere.

È stato bellissimo accompagnarli in una nuova esperienza, dove l’arte contemporanea ha fatto da veicolo per la riflessione e l’educazione civica.

La grande Scatola ci ha permesso di avvicinare i bambini ad un percorso artistico interdisciplinare, composto da un’istallazione, dalla musica e dal movimento.

Tutti insieme hanno partecipato ad una performance collettiva unica ed indimenticabile!

Il progetto La scatola abitata  nasce nel 2009 ed è stato presentato in numerosi spazi espositivi internazionali come gallerie d’arte, Musei e per 4 anni durante gli Internazionali BNL d’Italia a Roma.

In queste occasioni ha ricevuto il finanziamento della Regione Lazio, del Centro Culturale di Cultura Contemporanea di Elche, dell’Ambasciata di Spagna in Italia e del Teatres de la Generalitat di Valencia. Ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attivitá Culturali, della Provincia di Roma, dell’Ambasciata di Spagna in Italia e dell’ Istituto Cervantes di Roma.

Qui trovate il video del lavoro che hanno realizzato, buona visione!