Cosa fa un imprenditore o un’imprenditrice? Cosa si impara in una scuola per grandi? Come posso raggiungere i miei obiettivi? È meglio lavorare da soli o in squadra? E come si costituisce una squadra di lavoro? Queste ed altre domande sono state al centro di una lezione diversa in cui un genitore, “insegnante per un giorno”, ha raccontato la sua esperienza professionale ai bambini della 1C della scuola Primaria.

Il Dott. Baglietto, papà di un’alunna di 1C, ha inaugurato una serie di incontri organizzati nell’ambito del progetto “Enrichment Programme”.

Si tratta di progetti finalizzati ad arricchire l’offerta formativa con esperienze extracurricolari dal forte impatto sugli studenti, per aiutarli ad affrontare gli argomenti e le problematiche più attuali consentendogli di aprirsi a nuovi orizzonti altrimenti inesplorati. Durante queste lezioni speciali, gli studenti, precedentemente esposti gradualmente dall’insegnante all’argomento trattato, pongono domande, esprimono opinioni e manifestano interesse e coinvolgimento. Grazie alla presenza dell’insegnante/genitore, gli studenti avranno il vantaggio di apprendere cose nuove da soggetti conosciuti e cari, esaltando al massimo il loro interesse, la loro attenzione e la loro capacità di assorbimento ed apprendimento. Ciò affinché gli stimoli trasmessi germoglino nelle loro giovani menti, in modo che ciascuno possa sviluppare il proprio talento.

L’Enrichment Programme, infatti, si sviluppa attraverso tre tipi di attività. La Type1 Activity è di tipo esplorativo, in questa fase gli studenti vengono esposti a tematiche nuove ed inesplorate; la Type2 Activity prevede lo sviluppo dell’argomento teorico in un prodotto pratico; l’obiettivo è spingere quanto più possibile gli studenti verso la Type3 Activity in cui il singolo studente dimostra una propria volontà di approfondire l’argomento trattato in maniera autonoma.

Ma c’è altro: L’Enrichment Programme, attraverso il coinvolgimento dei genitori, rafforza ancora di più la collaborazione ed il supporto reciproco scuola/famiglia, accompagnando insieme i bambini in un unico percorso di crescita formativo e personale.

Per i bambini di 1C siamo solo all’inizio di un percorso: per i mesi futuri, infatti, sono già state organizzate altre lezioni tenute da genitori.

In aggiunta, dal mese di ottobre il gruppo classe sta sperimentando una nuova tipologia di Enrichment Programme in cui gli esperti sono proprio i bambini. Ogni settimana uno studente organizza una lezione per il resto della classe su un argomento che sceglie partendo da stimoli ricevuti a scuola, a casa, oppure parlando dello sport che preferisce o di un’attività che pratica. Sia nell’esposizione dell’argomento, sia nella scelta del materiale a supporto che nella gestione delle domande da parte dei compagni, lo studente “esperto” si muove in totale autonomia. Abbiamo deciso insieme di chiamare questo momento “L’angolo dell’esperto” e di documentare le lezioni dei bambini in un sito Internet di classe. Da questo è nato quindi il sito internet di 1C in modo da dare anche ai genitori la possibilità di “assistere”, attraverso le foto, ai progetti di arricchimento creati dai propri figli.

“Vorrei che oggi fosse già domani” è la frase pronunciata da una bambina della classe il giorno prima della lezione del Dott. Baglietto, ad indicare l’attesa ed il coinvolgimento per tale evento. Allo stesso modo tutti noi non vediamo l’ora che sia già domani per vedere nei nostri bambini ed in noi stessi i frutti di tali esperienze di arricchimento.

Marina Pace 1C Primaria


Lo spazio esterno della scuola è sempre stato al centro della riflessione pedagogica del nostro Istituto e, negli anni, diversi sono stati i progetti per riqualificare tali aree rendendole più funzionali per lo studio e l’apprendimento. 

In questo periodo di emergenza sanitaria il giardino di scuola è diventato più che mai nostro alleato nel poter ripensare la didattica nella sicurezza delle nuove norme anti-contagio, mantenendo alta la qualità del nostro percorso formativo. Ai lavori dei progetti degli ultimi anni (come ad esempio i padiglioni, l’area orto, l’area archeologica e i laboratori all’aperto) è stata data continuità con la realizzazione di una nuova aula all’aperto, l’implementazione delle aree circolari già esistenti e l’attivazione di un percorso di facilitazione alla didattica all’aperto.

All’Istituto Marymount adottiamo i principi fondanti dell’outdoor education, secondo cui fare didattica all’aperto significa non soltanto andare all’aperto, ma innanzitutto essere all’aperto, ossia esplorare l’ambiente circostante e stabilire con esso una relazione comunicativa attraverso cui attivare processi di apprendimento. Il nostro giardino è diventato esso stesso “aula” ma anche “libro”, ossia strumento e oggetto di conoscenza al tempo stesso. 

Se è vero, infatti, che nell’ambiente naturale troviamo le nozioni fondamentali del sapere umano in forma grezza e non organizzata, è altrettanto vero che proprio in tale molteplicità di significati pluriformi si inserisce l’azione didattica ed educativa dell’insegnante. Egli organizza il contesto d’apprendimento affinché ogni studente e ogni studentessa possa riscoprire tali nozioni fondamentali e riorganizzarle in base al proprio vissuto, ai propri interessi, le proprie abilità, i propri sogni. L’organizzazione dei significati segue, cioè, un senso fortemente legato alla propria esistenza, alla propria realtà sociale e storica. I saperi, essendo costruiti e non semplicemente appresi, diventano saperi attivi, spendibili nelle sfide della vita di tutti i giorni.

Non è un caso che parlare di didattica all’aperto significa anche parlare di diritti e di sostenibilità ambientale. All’aperto gli studenti esplorano, sperimentano, si muovono, riflettono… vivono esperienze dirette e totalizzanti che stimolano lo sviluppo di una consapevolezza dello spazio abitato -sia nelle sue componenti fisiche che sociali- e che contribuiscono ad attivare sentimenti di cura e di rispetto verso se stessi e verso ciò che è altro da sé.

Vista l’Ordinanza del Comune di Roma, l’Istituto Marymount, come tutte le scuole della città, rimarrà chiuso nella giornata di lunedì 26 febbraio.
La Direzione
Di seguito il link all’‘Ordinanza n.29 del 25 02 2018

The Vivarium Novum Academy is a place where the atmosphere of the Renaissance academia comes back to life. Walking through the doors of Villa Falconieri in Frascati our high school students were warmly welcomed. Every year the Vivarium Novum Academy hosts 40 talented students on scholarships from all over the world with the aim of deepening the knowledge of the classical culture.

The students, guided by their class teachers, were introduced to a fascinating and enchanting world where only Latin and Ancient Greek are the spoken languages within the Academy’s walls.

The academy is a connection between modern and historical times. It is based on the Hans Henning Oberg method. Oberg is a Danish Latin scholar who teaches the classical languages as living languages.

The students had also the great opportunity to listen to some chants, or “carmina,” in Latin and Greek which were arranged by the academy students.

The academy encourages not only personal growth, but also artistic and sports activities as part as the goal “mens sana in corpore sano”.

For further informationi: https://vivariumnovum.net/

Back to where it all began…Beziers. Where the RSHM congregation was born and the Marymount Community came to life. Beziers is much more than a dot on the map, it’s the heart and soul of a worldwide community.

There are no borders to the Marymount mission, started by Father Gailhac and Mother St. Jean in this quaint town. Their vision is still alive today and inspires all the Marymount schools.

The weeklong Beziers spiritual retreat is a time to consolidate everyone’s hard work and their devotion, offering participants an opportunity to share values, visions, and experiences.

For four of our teachers and staff members, this was their first time in Béziers and it was a rich and emotional experience. “It was extremely emotional to contemplate Father Gailhac’s relic in the crypt. We really felt connected to one another thanks to the charisma and passion of all the RSHM sisters who led the retreat.”

The retreat is an integral part of our school, reinforcing the spirit of communion that is then brought back to each individual school worldwide.

Who is a leader and What are the leadership skills required to become a great leader? Many people today aspire to be leaders but only a few question themselves on the real meaning of this word.

Mrs. Monica Terra, the secondary school principal is responsible for the Marymount Network projects and explains that this year 6 students from middle school and 2 from our new high school participated in the RSHM Student Leadrship Retreat in Paris, from September 27th to October 1st, focused on “Educating and learning for a peaceful world”. Our 8 students were chosen by their classmates at the beginning of the school year to represent  the school.  They were asked to choose students that  they thought had  the necessary leadership skills.

In Marymount School Paris all the students participating had the chance to, share with each other ideas and experiences on what it really means to be a leader today, in this difficult Globalization Era. All students agreed that the experience was extremely positive and gave them ideas for reflection and action.

Flaminia:” The leadership experience helps build your character, helps you think differently and teaches you to be responsible and to be a good example for your peers.”

Diletta: ”It is something that enriches you now and for the future. It sharpens your capacity of listening to others”.

Giulia: “In all the activities proposed we had the possibility to get personally involved to experience directly what  it means to help others. For example we prepared and distributed meals for the homeless.“

Lisa: “While sharing our experiences with the other Marymount we also learned more about our school history.”

Elena: ”We had the possibility to reflect on what we can do to improve different aspects of our school life and on what we should carry out during the school year.”

Oliver: “It was a very usefull encounter: it was challenging to put into practice our ideas and face concrete commitments.”

These students will now have the task to pass on what they have learned to the first and second grade middle school students as they live their daily school life at istituto Marymount.

Mrs. Terra confirms that all our school network projects are centred and focused on the personal and spiritual growth of each and every student.

On October 4th the 4 and 5 year old children celebrated Saint Francis of Assisi with their usual joy and enthusiasm. They gathered in the Chapel for the “ceremony of the seeds”, singing and praying togehter with their teachers. The idea of the “ceremony of the seeds” is to connect the celebration and the activities they did to our Goal of the Year: “to encourage and affirm personal growth.” The children started their work in class preparing bulletin boards where they put their names written in seeds. It was explained to them that the seeds nurtured with love and natural elements, such as water, soil, sun and air, will grow and become a lush and adult plant. In class they also listened to Saint Francis vocational and spiritual life stories which captured their interest and curiosity.

中秋节快乐!

The Mid-Autumn Festival is one of the most important Chinese holiday traditions and it has a very ancient origin. Is a moment of family gathering, sharing, good wishes and thanksgiving for the harvest. There are many legends, stories and myhts surrounding the Festival and they are all centered on the element that had always had an ancestral charm on human beings: the moon worship.

In several Chinese towns decorations, dances and lighted lanterns create a magical and suspended atmosphere for one of the most touching country celebrations. Making and sharing mooncake in different ways signifies the completeness and unity of families.

This is for us an opportunity to deepen our knowledge of Chinese culture and learn and experience the most significant cultural aspects of other countries. So….

中秋节快乐!

Happy Mid-Autumn Day to all of you!

 

In onore dell’87° anniversario dell’Istituto Marymount

“Signore, ci hai chiamato a vivere la nostra esperienza scolastica ispirata dal nostro Padre, Jean Gailhac, che ci ha insegnato l’importanza di conoscere ed amare Dio e portare la vita a tutti i suoi figli…”

Queste alcune parole della preghiera per padre Gailhac… Ed è proprio nell’edificio a lui intitolato, la palestra, che oggi gli alunni delle classi della scuola secondaria di I grado e della classi IV e V della primaria, si sono riuniti per la Santa Messa celebrata da Don Edoardo, parroco di Sant’Agnese, in onore dell’87° anniversario dell’Istituto Marymount.
Un traguardo importante segnato da tante emozioni, anni colmi di sorrisi, successi e condivisione dei valori che le Religiose del Sacro Cuore di Maria ci hanno insegnato e che con onore portiamo avanti.

“Che tutti abbiano vita”, le parole che accompagnano il nostro tempo e quello degli alunni che seguiamo nel loro percorso scolastico e cammino di vita. È a loro che Don Edoardo si è rivolto in prima persona rendendoli direttamente partecipi di questa celebrazione con domande a cui gli alunni hanno risposto con gioia.