Domani, 26 marzo, presso il nostro Istituto, si terrà la prima proiezione nel Lazio del mediometraggio “Non più, non ancora. Narrazioni preadolescenti” dell’autrice e pedagogista Mariagrazia Contini, che sarà presente in sala insieme al conduttore, autore radiofonico e televisivo, Federico Taddia.

L’evento si svolgerà in palestra, a partire dalle ore 17.30 alle ore 19.30, in via Nomentana 355.

Per maggiori informazioni di seguito si allegano locandina e comunicato stampa della proiezione.


 

COMUNICATO STAMPA

 

Nella pre-adolescenza inizia il distacco dai genitori e il bambino comincia a costruire il proprio mondo, governato da leggi proprie e narrato con un linguaggio che spesso, una volta cresciuti, non capiamo. Non più non ancora cerca di colmare questa distanza lasciando 100 tra ragazze e ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, di varie città italiane, liberi di raccontarsi, a partire da alcuni temi-chiave: il futuro, i rapporti con se stessi, con i coetanei e con gli adulti, l’amicizia, l’amore, i desideri, la scuola, il bullismo. Alle interviste frontali realizzate da Mariagrazia Contini, con una modalità atta a sollecitare i preadolescenti a raccontarsi sulla base di domande che non compaiono nel documentario, si combinano le immagini girate dai ragazzi stessi con cellulari o con piccole telecamere, che catturano momenti di svago, confidenze intime, prese di coscienza. Si mostra così un percorso di crescita spesso tortuoso e sempre complesso, una “fatica di crescere” che mostra la fragilità anche dietro la maschera della spavalderia, e forse ci consente di comprendere meglio, attraverso l’empatia, un momento della vita che altrimenti rischia di essere definito solo per “quello che non si è” nodownloadroulette.

La fase di passaggio della preadolescenza, infatti, con i suoi disagi – raccontata direttamente da chi la vive, e non, come più spesso avviene, dal mondo degli adulti – è la prospettiva di osservazizone di Non più, non ancora. Narrazioni preadolescenti (Italia, 2018 – 52′), il mediometraggio documentario che martedì 26 marzo 2019 alle ore 17.30, all’Istituto Marymount (via Nomentana, 355 – Roma), sarà presentato per la prima volta nella regione Lazio alla presenza dell’autrice, la pedagogista Mariagrazia Contini.

La proiezione segna l’apertura del Fuoricampo. Cinema giovane filmfest, promosso dall’IC Nicolai (DS Gabriella Romano), dall’IC Belforte del Chienti (DS Claudia Sabatano) e dall’Associazione Artu (Presidente Elisabetta Diana Valente), in partenariato con l’IC Giorgio Perlasca (DS Claudia Sabatano), Polo Formativo dell’Ambito 2 di Roma e con l’Istituto Marymount (Headmaster Andrea Forzoni). L’evento è valido ai fini della formazione per i docenti ed è presente sulla piattaforma Sofia del Miur.

 

Mariagrazia Contini è stata dal 1974 al 2016 docente di Pedagogia generale e Pedagogia dell’Infanzia e delle Famiglie presso le Università di Bologna, Padova e Firenze, e ha curato numerose pubblicazioni sul tema dell’educazione e della comunicazione tra le generazioni .

Paolo Marzoni, regista e montatore, è stato candidato al David di Donatello 2010 come montatore per L’uomo che verrà di Giorgio Diritti, e ha collaborato con Vito Palmieri per Il valzer dello Zecchino. Viaggio in Italia a tre tempi (2011), miglior documentario al festival del cinema italiano di Annecy, e per il pluripremiato cortometraggio Matilde (2012).

Vito Palmieri ha esordito alla regia con il cortometraggio Tana libera tutti (2006), candidato ai David di Donatello e vincitore di numerosi premi, cui hanno fatto seguito altri corti (tra cui Il valzer dello Zecchino) e i due lungometraggi See You in Texas e Il giorno più bello (2016).