Il periodo natalizio, qui nel nostro Istituto, è sempre accompagnato da un’atmosfera lieta. Parte di questo sentire è dovuto, certamente, ai “Christmas show” che, carichi di allegria, animano i giorni che precedono la pausa festiva. 

Nella seconda e terza settimana di dicembre sono infatti andate in scena le recite dei nostri studenti a partire da quelli dell’Infanzia, fino a quelli delle medie, per poi concludersi con la prima rappresentazione (andata in scena due volte, nella storica sede di via Nomentana e in quella di via Livorno 91) dei nostri studenti liceali e, infine, con il tradizionale concerto di Natale che, in questa circostanza, ripercorrendo anche i suoni della natura (dalla pioggia al vento), ha emozionato profondamente il pubblico presente nella Gailhac Hall. 

Un unico filo conduttore che parla di condivisione, ricchezza nella diversità, gioia di stare insieme. Dalla rappresentazione della scuola dell’Infanzia, che ha messo in scena la bellezza di amicizie speciali e mai scontate (come quella, ad esempio, tra un topolino e un leone) e che ha saputo narrare l’importanza di sentimenti come l’amore, il coraggio e la speranza, a quella delle I e II e, ancora, delle III elementari, fino alle IV e le V, tra canti, esecuzioni con strumenti musicali, storie e narrazioni originali che, lanciando qualche spunto di riflessione sul mondo di oggi, hanno lasciato spazio al divertimento.

Un progetto corale e di crescita, che evidenzia anche il ruolo fondamentale della trasmissione dall’alunno più grande a quello più piccolo, come nel caso del momento di incontro che, in questi giorni, è avvenuto tra i ragazzi di terza media e gli alunni del Kindergarten, per i quali gli studenti delle terze hanno scritto e decorato libri, inventando delle favole di Natale, stimolando la fantasia e la curiosità che, ci auguriamo, in loro, resti sempre accesa. 

Un intento che, come riportato spesso dai nostri stessi Principal, prevede, per ogni ordine e grado, un lavoro e un impegno comune degli insegnanti e di tutti coloro che, partecipando quotidianamente alla vita scolastica, condividono lo spirito Marymount. Spirito, questo, che, in occasioni come le giornate che precedono il Santo Natale, si rafforza nel cuore di ciascuno.