Lettera di ringraziamento scritta dalla Presidente dell’Associazione Debra a Milano in merito al concerto presso l’Istituto.

Contributo a fare conoscere e sensibilizzare le persone su questa gravissima malattia.

Milano, 27/05/2019

A l’attenzione del consiglio d’Istituto e alla Presidente la Prof.ssa Enrica Angeloni Paone. Al Presidente il Professore Andrea Forzoni e, a tutti coloro che hanno partecipato.

Carissimi,
a nome di tutti i Bambini Farfalla e a mio nome, Vi ringrazio per la passione e l’affetto che state dimostrando per la nostra causa.
Con il Vostro aiuto e quello di tutti che, come Voi, ci sostengono a vario titolo, possiamo continuare a crescere, promuovere la conoscenza della malattia, dedicare servizi e supporto a favore dei bambini e ragazzi farfalla affetti da Epidermolisi Bollosa (EB) e alle loro famiglie al fine di garantire loro il maggior benessere e la piena integrazione sociale.
Nella speranza di sentirVi sempre più vicini all’ Associazione Debra Italia Onlus e di avere il piacere di ringraziarVi personalmente, Vi auguro tutta la gratificazione di cui merita la Vostra sensibilità.
Con affetto,

Il Presidente Cinzia Pilo

Gentili famiglie,
siamo felici di comunicarvi le proposte delle attività sportive per il prossimo anno scolastico nelle due sedi dell’Istituto Marymount.
Nella sede di Via Nomentana 355 saranno offerti, esclusivamente per gli alunni interni Marymount, i seguenti corsi: baby soccer, basket, calcetto, calcetto femminile, chitarra, cinese, danza classica, ginnastica artistica, gioco danza, girls loving tech, minecraft, pallavolo, pianoforte, propedeutica alla danza, scacchi, tecniche e discipline artistiche.
Inoltre i bambini delle classi IV e V della Scuola Primaria e I e II della Scuola Media potranno iscriversi al catechismo per la Comunione o la Cresima. Il catechismo si svolgerà qui a scuola il mercoledì dalle ore 16.30 alle ore 17.30.
Per informazioni relative alle attività di Via Nomentana potete contattare telefonicamente o via mail Mercedes Scibetta – 06 86225741 (mscibetta@marymount.it).
Per  iscrizioni presso la sede di via Nomentana, cliccate sul seguente link:
 
Nella sede di via Livorno 91, per gli alunni del Marymount e anche per allievi esterni, attraverso l’Associazione sportiva dilettantistica – ASD Marymount, sono offerti i seguenti corsi: parkour, scherma, ginnastica ritmica, taekwon-do, karate, danza moderna, calcio e calcio high school (quest’ultima disciplina in collaborazione con la SS ROMULEA-SSD).
Sarà a disposizione un servizio NAVETTA per portare i bambini, al termine dell’orario scolastico, da Via Nomentana a Via Livorno. 
 
Per informazioni relative alle attività di Via Livorno 91 potete contattare telefonicamente o via mail Chiara Fiore – 06 86225755 (cfiore@marymount.it).
Per iscrizioni presso la sede di Via Livorno 91 cliccate sul seguente link:

Vi auguriamo una buona estate!

Metodo Marymount, tra innovazione e tradizione, guardando all’ambiente: il nostro Istituto oggi sulle pagine del quotidiano “La Repubblica”

The Marymount Goal for the Year 2018 -19 was ‘To Instil a Life Long Love of Learning’.  As the Art History teacher at the Liceo, this is my goal for all the students for every year. For the classroom I teach by creating all my own Powerpoint Teaching Presentations that are designed to take the student through the learning process of how to understand a work of art.  Each ‘slide’ is designed for question and answer from me to the students and this method is called the ‘Socratic Dialogue. Socrates was Greek philosopher of the C5th BC who would walk through the streets of Athens asking questions of anybody he met how they knew what they knew. He would make them think harder.  Through the Socratic Dialogue teaching method I encourage students to be brave, to speak out, to ask questions and to answer without fear of ‘getting it wrong’. I always discuss the fact that one of the best ways to understand and to learn is through not knowing something and that we are all exploring and learning together.

Through a teaching method of question and answer the students comes to ‘an answer’ themselves, which means they learn and remember more effectively and enables the student to ‘think’ independently as opposed to learning by rote. No matter the age of the student my goal as a teacher is to strive to aid them in becoming truly engaged with the subject matter.

Art History is a challenging subject that includes and so compliments many other separate school subjects such as; History, Geography, Social Studies, Politics, Philosophy, Latin, Greek and Religion.  Teaching Art History encourages the student to be diverse intellectually that leads to a higher level of Critical Thinking.

However, to be able to teach in front of the actual artwork opens the eyes and furthers understanding in a way that no book, photograph or any other form of visual material in the classroom can achieve.  Such an experience can provide a ‘Eureka’ moment in the subject appreciation and learning process – it brings the art ALIVE!

For this reason in 2018 I created a Campania Trip to Paestum, Pompeii and the Museo Archeologico Nazionale di Napoli, which was specifically designed for the students to see for themselves the actual artworks they had been studying in Year 1.  All students were provided with a Campania Trip Workbook to use and explore the art and architecture of the different sites. The Liceo continued the same trip this year, 22-24 May, 2019, and it will continue to be an educational trip for all students in Year 1 of the school.

Providing these Art History visits is a crucial aspect of the Ministero dell’Istruzione that in 2012 issued the Direzione generale per la valorizzazione del patrimonio culturale: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione ” (Art. 9 Costituzione 2012) and also: In accordo con gli obiettivi a lungo termine fissati nel I Piano Nazionale per l’Educazione al Patrimonio Culturale (2015/2016) e con gli esiti delle azioni in esso previste, il II Piano Nazionale per l’Educazione al Patrimonio Culturale 2016/2017) ribadiva l’importanza di un approccio integrato all’educazione al patrimonio culturale.

The Alexander Mosaic c.100 BC made with one and a half million tiny tesserae. No image can replace seeing the actual Artwork and the incredible detail and artist’s skill. Museo Archeologico Nazionale di Napoli   Photo: Leonardo Mazzucco

Fellow teachers on the trip this year were Profs Foster, Ammannati and Prof Ciccia who not only is a Latin and Greek specialist but has extensive knowledge of Art History and so the teaching could be divided between myself and Prof Ciccia.

Our first stop was Pompeii where we walked along the DecumanusVia dell’Abbondanza – that leads to the Forum and along the way the students discovered and experienced what it was like to live as an ancient Roman.

Liceo Students walking along the Decumanus Maximus – Via dell’Abbondanza    Photo: Leonardo Mazzucco

 

As well as the many shops and examples of the Roman Domus the students could see how the Romans ate in the street at the Thermopolia (fast-food) that would have paintings of various gods to protect their business.

Thermopolium of Vetutius Placidus       Photo: Leonardo Mazzucco

The Fresco depicts in the central figure (the Genius of the household) is performing a sacrifice over a small folding altar. On the far left side is Mercury, the god of commerce, while on the far right stands Bacchus, the god of wine.

 

Taberna delle quattro divinità or House of Venus and the Four Gods (Apollo, Jupiter, Mercury and Diana)

Photo: Leonardo Mazzucco

 

On many of the shop walls are graffiti – many of them political – and provided the opportunity for Prof Ciccia to help the students further their Latin comprehension with on-site Latin translation.

Political Campaigning Graffiti on Thermopolia Asellina, Via dell’Abbondanza

Arriving at the Forum we all had lunch.

Forum, Pompeii        Photo: Leonardo Mazzucco

 

After lunch we went to the Temple of Apollo, dating back to the C2nd BC, to further understand the history of Pompeii.  The group was split into two where I taught the Art and Architecture of the temple and Prof Ciccia discussed the Latin inscription of the temple and the eruption of Vesuvius as described by Pliny the Younger.  This was particularly effective with Mount Vesuvius rising above Pompeii.

View of Vesuvius from Forum       Photo: Leonardo Mazzucco

Prof Ciccia in the Temple of Apollo        Photo: Leonardo Mazzucco

Temple of Apollo, Portico: Doric Columns & Bronze Statue of Apollo    Photo: Leonardo Mazzucco

At ‘Half-Time’ we swapped teaching groups – this would be our method of teaching throughout the trip – and then the students and the teachers had time for drawing something from the temple.

Our next stop was the House of the Faun, which the students had studied in class, now they could physically walk through an understand the plan of typical Roman Domus.  In this famous Domus they could actually see the many things about the house they had learnt: the HAVE (Welcome) Mosaic of the entrance:

The 1st Style of Roman Wall Painting – Masonry:

the Bronze Dancing Faun

Photo: Leonardo Mazzucco

and the incredible Alexander Mosaic (the originals they would later see in Naples).

Photo: Leonardo Mazzucco

 

Again the students and the professors were given time to draw something from the House of the Faun

Francesco Rigamonti drawing in the House of the Faun   Photo: Leonardo Mazzucco

 

 

We then walked along the Via dei Sepolcri out of the city of Pompeii, lined with tombs and Latin inscriptions providing plenty of opportunities for Latin translation and understanding the lives of the ancient Romans and how they wanted to be remembered.

 

Via dei Sepolcri, Profs Ciccia, Foster, Golden   Photo: Leonardo Mazzucco

 

One tomb in particular was of the Priestess Mamis where carved onto the entire back of the bench was a Latin inscription that Prof Ciccia helped the students to translate:

Mamiae P[ubli] f[ilia] sacerdoti publicae locus sepultur[ae] datus decurionum decreto.

 

Via dei Sepolcri, Pompeii, Early C1st AD

 

At the end of the Via dei Sepolcri we finished at the famous Villa of Mysteries with a spectacular room painted in the 2nd Style of Roman Wall painting of a ‘mysterious’ scene (after which the Villa is named) concerning the God of Wine – Bacchus.  This too had been studied in class.

Villa of Mysteries   Photo: Leonardo Mazzucco

Group Photo Pompeii        Photo: Leonardo Mazzucco

The second day was spent at Paestum – More Greek than Greece!

We spent the morning in the museum that involved an Artwork Hunt using the Campania Trip Workbooks.

Zeus c.520 BC        Photo: Leonardo Mazzucco

 

Lucanian Tomb c.340 BC   Photo: Leonardo Mazzucco

and ended with a focus on the world famous Tomb of the Diver 470 BC that had been studied in class.

 

In the afternoon there was a brief teaching session of the Paestum Greek Temples, again that had been studied in class.

Left: Temple of Hera II 460 – 470 BC  Right: Temple of Hera I c.550 BC  Photo: Leonardo Mazzucco

The students where allowed to explore further the archaeological park to draw and use the workbooks (for which there will be a prize for the best one handed in at the beginning of September 2019).

Temple of Hera I c.550 BC  Photo: Leonardo Mazzucco

Group Photo at the Temple of Athena c.500 BC  Photo: Leonardo Mazzucco

After the Paestum visit at dinner there was an Artwork Quiz with the students divided into separate groups competing against Team Prof (from which I did not take part!) and one of the student teams were the winners!

The final day we went to the Museo Archeologico Nazionale di Napoli, which involved another Artwork Hunt using the Workbooks finding artworks from Pompeii and ending with the famous statue that had been studied in class of the Weary Hercules, originally from Farnese Collection of the C16th having been found in the Baths of Caracalla.

C3rd AD Roman Copy signed Glykon of C4th BC Bronze original by Lysippos  Photo: Leonardo Mazzucco

On Prof Ciccia’s recommendation we then visited the Cappella Sanservo where the students marvelled at the sculptural technique achieved of the sculpture of the Veiled Christ.

Veiled Christ, Giuseppe Sanmartino, Cappella Sansevero 1753

The students’ appreciation of the artist’s skill involved to create this sculpture confirmed the enormous amount of Art History knowledge they had achieved throughout Year 1 – about how to look at and understand a work of art – but also the Campania trip confirmed the value of actually seeing works of art in person.  From September 2019 I will be introducing an after school hours Art History Club, which among other activities will give the students the opportunity to visit with me the Art and Architecture of the wonderful city of Roma and further their appreciation of their Cultural heritage and Patrimony.

The Campania trip then ended with lunch and the fantastic Pizza Napoletana!

Prof. Dr Lauren Golden

Photo gallery:

 

Il ringraziamento del Presidente della Fondazione Operation Smile Italia Onlus, il Dott. Carlo Salvatori, per averci voluto sostenere in occasione delle Olimpiadi del Sorriso 2019.

È senza dubbio stata l’edizione più bella e più sentita fino ad oggi; infatti i giovanissimi partecipanti hanno compreso il vero obiettivo della giornata e questo è stato possibile grazie a Lei ed a tutti i presidi delle scuole che ci hanno autorizzati ad entrare nelle classi per spiegare bene ai bambini il vero motivo per cui sono nate le Olimpiadi del Sorriso sottolineando quanto sia importante la loro partecipazione per poter realmente aiutare i bambini meno fortunati di loro.

Inoltre, i ragazzi del liceo che hanno aderito allo Student Programs e che hanno partecipato in qualità di staff alla giornata, sono stati di grande aiuto al calcio, alla danza e all’angolo dei bambini e hanno svolto il loro ruolo con responsabilità, dedizione e professionalità.

A nome di tutto il gruppo organizzatore delle Olimpiadi del Sorriso la ringrazio molto per la sua collaborazione e per la sua disponibilità. Mi auguro sinceramente che anche il prossimo anno il vostro Istituto continuerà a partecipare alle Olimpiadi del Sorriso; le anticipo che la prossima edizione si terrà domenica 19 Aprile 2020 sempre presso il Centro Sportivo Villa Flaminia.

Quest’anno avendo avuto molte richieste di partecipazione, sia da parte dei genitori dei bambini dell’asilo (fratellini e sorelline degli atleti) sia da quelli dei ragazzi della scuola media, che per motivi organizzativi non erano stati coinvolti nelle gare, abbiamo deciso per il prossimo anno di creare un programma sportivo adatto ai piccolissimi atleti di 4 e 5 anni. Abbiamo inoltre deciso di crearne uno per i ragazzi della scuola media che, in prima persona, con l’aiuto di professori ed educatori, porteranno avanti un loro progetto creativo e solidale a sostegno di Operation Smile.

Ci piacerebbe molto poter parlare nuovamente con Lei e con gli insegnanti che ritiene che potrebbero essere interessati a questo nostro nuovo progetto; noi siamo disponibili a venire anche dopo la fine della scuola, se è un periodo più tranquillo per voi, oppure a settembre al rientro delle vacanze.

In attesa di una sua gentile risposta, la ringrazio ancora tantissimo mandandole i miei migliori saluti,

Cristina Chiavari

Co-Fondatore Operation Smile Italia Onlus
Coordinatrice Student Programs

 

Disponibile da lunedì 27 maggio!

Scratch Day 2019

Venerdì 17 maggio abbiamo festeggiato lo Scratch Day a scuola con 75 bambini di seconda primaria e gli alunni della IVC responsabili dei giochi allestiti pronti a farli divertire.

La nostra giornata è iniziata con la presentazione ai compagni dei lavori della classe IIB. Durante tutto l’anno la classe ha lavorato con speciali kit Lego al tema della First Lego League, con l’obiettivo di realizzare una base spaziale sulla Luna. Oltre a costruirla con i Lego ogni squadra di lavoro ha anche realizzato dei bellissimi cartelloni affrontando la Luna sotto ogni aspetto, hanno usato internet e tantissimi libri sul tema tra cui “Voglio la Luna” di Andrea Valente e Umberto Guidoni. Sono diventati così esperti che gli manca solo il brevetto di astronauta adesso!

Dopo questa bellissima presentazione i bambini sono stati divisi in squadre miste tra le tre sezioni ed hanno iniziato a giocare alle postazioni distribuite nello spazio della palestra. Ad ogni gioco hanno trovato i ragazzi di IVC ingaggiati per farli divertire, responsabili di ogni stazione che sono stati estremamente collaborativi, esemplari. I giochi avevano come tema “da Leonardo allo spazio”, in fin dei conti Leonardo è stato il primo ad aver desiderato di volare e poi l’uomo è riuscito ad arrivare fino alla Luna!

Girando tra i tavoli avreste potuto trovare un pianoforte che si suonava con i piedi come quello visto nel film Big con Tom Hanks o quadri di Monna Lisa da colorare in stile pop, avreste potuto giocare a Tetris giocando con due pere e una banana come joystick oppure avreste potuto realizzare un vero razzo volante di cartoncino, avreste potuto costruire la vostra invenzione con i Lego oppure sfidarvi nella programmazione di Cubetto su tappeti spaziali, insomma questo e tanto altro, ne abbiamo fatte davvero di tutti i colori!

Abbiamo concluso la giornata con una Scratch Dance tutti insieme e il messaggio trovato sul muro delle firme “E’ stato tutto bellissimo” è il giusto riassunto della giornata.

Paola Mattioli

Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”: questo è il messaggio che la studentessa svedese Greta Thunberg, in questi mesi, ha lanciato al mondo intero e che ha preso vita nella nostra Scuola grazie all’evento “Plastic free world”.

Dall’emergenza climatica al riciclo, dall’inquinamento degli oceani ai comportamenti virtuosi, l’iniziativa ha visto la partecipazione di WWF, Fondazione Cetacea, #fridaysforfuture, Marevivo e RAI, coinvolgendo le classi III, IV e V delle elementari e I, II e III delle medie del nostro Istituto.

In particolare, attraverso la proiezione di filmati e foto, gli studenti hanno avuto modo di confrontarsi su temi globali di stretta attualità, approfondendo anche la situazione delle tartarughe marine, esposte spesso, nei nostri mari, ad un alto tasso di mortalità. 

Per questo le classi coinvolte hanno aderito con piacere al progetto TartaLife, adottando una tartaruga in difficoltà – una per ogni classe partecipante – che, dopo un opportuno periodo di riabilitazione presso la Fondazione Cetacea, sarà nuovamente inserita nell’ambiente naturale.

Gli alunni hanno infatti avuto modo di parlare direttamente con associazioni ed esperti del settore nel dibattito, moderato dal giornalista Valerio Iafrate e ripreso dalle telecamere di RAI 1, al quale erano presenti, tra gli altri, Sauro Pari, direttore Fondazione Cetacea, Martina D’Arco, movimento #fridaysforfuture, Raniero Maggini e Maria Antonietta Quadrelli, WWF, Rosalba Giugni, presidente Marevivo.

Un’occasione significativa per porre domande, dubbi, quesiti ed ipotizzare possibili soluzioni. Un appuntamento, questo, che si ripeterà a settembre quando i ragazzi presenteranno i loro elaborati su tematiche ambientali, nell’ambito del concorso presentato durante la manifestazione. 

Scarica qui la brochure in pdf

Durante l’Heritage Week, mentre il nostro Istituto ospitava il Festival of Performing Arts, in alcune scuole del Network RSHM, la grande famiglia Marymount dava vita ad altri tre, importanti eventi che hanno animato questa settimana così intensa.

In particolare, il Marymount International School di Londra ha organizzato il MUN (Model United Nations), vale a dire la più significativa simulazione, a livello globale, dei lavori delle Nazioni Unite, alla quale hanno preso parte 26 dei nostri allievi. Presso il Marymount International School di Parigi si è tenuto, invece, il Maker Faire, l’appuntamento per i piccoli e grandi innovatori del domani, al quale hanno partecipato 22 dei nostri studenti. Infine, nella sede del Marymount International School Rome, in via di Villa Lauchli, si è svolto lo Sports Festival, dove hanno gareggiato 20 studenti del nostro Istituto.

Un gruppo di ragazzi della nostra Scuola, poi, formato da alunni delle classi seconde e terze, ha anche raccontato, filmato e fotografato i due festival capitolini (quelli dedicati allo sport e alle performing arts).   

Nella capitale britannica, il MUN ha avuto inizio con una cerimonia di apertura che ha visto l’intervento di Mr Peter Sorenson, ex peacekeeper delle Nazioni Unite, che ha condiviso con i ragazzi la sua lunga carriera in questo settore. Durante queste giornate, infatti, le delegazioni di alunni provenienti dalle varie Scuole del Network hanno avuto l’opportunità di suddividersi in commissioni, apprendendo in modo operativo il lavoro e le procedure svolte, abitualmente, dagli enti internazionali.

Il MUN ha dunque rappresentato una grande opportunità di dibattito e confronto per conoscere concretamente l’iter e i meccanismi che regolano la democrazia, non rinunciando, tuttavia, ad attività ricreative (come, ad esempio, la Movie night) e di conoscenza del territorio. L’ultimo giorno, dopo la messa in cappella, si è tenuta la cerimonia conclusiva con Sr Veronica Brown.

A Parigi il Maker Faire ha costituito la finestra sulla tecnologia: giunti al Marymount International School di Parigi, i ragazzi si sono subito interrogati sugli obiettivi di sviluppo sostenibile e su come tecnologia e materie scientifiche possano fornire delle soluzioni a riguardo. 

Dopo una sessione di brainstorming, gli studenti hanno ipotizzato delle possibili risposte che sono poi divenute, in un secondo momento dal taglio più pratico, culminato con il Maker Faire Day, progetti prototipo per intervenire sul tema degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Anche in questo caso non sono mancate attività di socializzazione, così come del tempo libero per visitare il Tech Shop della capitale francese.

Lo Sports Festival, tenutosi presso il Marymount International School Rome, ha rappresentato l’evento in cui il vero protagonista è stato lo sport. Nei giorni della manifestazione, attraverso la pratica sportiva, si è posto l’accento su uno sviluppo equilibrato, del quale l’attività atletica, con i suoi valori, non può che fare parte, favorendo una crescita sana in termini sia fisici che psicologici. 

Tra le competizioni, maschili e femminili, che si sono disputate: tennis, basketball, nuoto, pallavolo, atletica e calcio. Le gare sono avvenute presso il Foro Italico, la società sportiva Stella Azzurra, il Marymount International School Rome, lo Stadio dei Marmi e CONI Piscine. Anche in questa circostanza ci sono stati diversi momenti di approfondimento – come il tour della città eterna – di svago, cenando insieme e dedicandosi ad attività ludiche, fino a giungere alla giornata conclusiva delle premiazioni. 

After learning about Greta Thunberg and her commitment to #climateaction 3rd graders spontaneously prepared posters for the #fridaysforfuture #climatestrike. They were determined to #takeaction and share their passion about the environment with others at school and home to do their part to #saveourfuture. They continue in their endeavor to learn about sustainable development goals and work towards helping to save our planet.