Il FabLab (dall’inglese fabrication laboratory) è una piccola officina che offre servizi di fabbricazione digitale.

Il progetto FabLab nasce circa dieci anni fa all’MIT di Boston e il nome mette insieme fabbricazione e laboratorio. I FabLab sono oggi centinaia e la diffusione crescente delle stampanti 3D e di schede di prototipazione elettronica, come Arduino, contribuisce notevolmente alla loro affermazione.

Nel nostro Istituto, grazie al FabLab che si avvale di laser, stampanti 3D e plotter, gli alunni avranno a disposizione tutte le tecniche di fabbricazione digitale all’interno di una scuola. Saranno proprio loro a creare oggetti con i quali potranno poi giocare e raccontare le loro storie.

Il nostro FabLab svolgerà una funzione di ricerca, di didattica e di formazione ed è frutto di uno studio universitario completamente ideato presso MIT di Boston. Il contatto con il digitale dei ragazzi di oggi è limitato all’uso dei cellulari o console, ma ben pochi sanno utilizzare il computer davvero e la maggior parte di loro trova difficoltà ad eseguire operazioni semplici come accedere alla wi-fi o crearsi un account per un software nel cloud come scratch o tinkercad. Con il FabLab vogliamo formare i ragazzi ad un uso più consapevole del digitale e trasformarli da fruitori passivi a creatori attivi, utilizzando queste macchine come uno strumento didattico per tutte le materie. La forza del FabLab è la interdisciplinarietà che insegna ai ragazzi ad esprimersi attraverso le tecnologie digitali in un modo infinitamente creativo, lavorando in gruppo e condividendo le loro idee. Gli alunni impareranno a lavorare in team affinché ognuno aiuti l’altro nelle cose che sa fare meglio, superando il concetto della competizione a vantaggio del risultato di qualità e complessità superiore.

Siamo lieti di comunicarvi che giovedì 6 ottobre 2016 alle ore 10.00 in palestra si terrà un incontro per tutti gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado sul tema della Shoah. L’incontro sarà tenuto da Alberto Mieli, sopravvissuto, che racconterà ai ragazzi la sua esperienza.
Alla fine dell’incontro verrà piantato, in suo onore, un ulivo delle colline di Gerusalemme donato dall’associazione KKL ITALIA ONLUS.
locandina-Mieli1000

#Cyberbulli? No,grazie!

29 / 30 aprile 2016

Il 30 aprile del 1986 l’Italia per la prima volta si è connessa ad Internet: il segnale, partito dal Centro universitario per il calcolo elettronico (CNUCE) di Pisa, è arrivato alla stazione di Roaring Creek, in Pennsylvania. Quella prima connessione era la fine del progetto di un gruppo di pionieri; ed è stato l’inizio di una storia nuova. Trenta anni dopo, il 29 aprile fino a notte, faremo in tutta Italia un Internet Day: per ricordare le gesta di chi ci ha creduto per primo; e per prendere da lì tutto lo slancio necessario a chiudere la partita iniziata allora. Banda ultrarlarga, competenze digitali, servizi digitali per tutti: è ora di accelerare. Come fecero 30 anni fa.

Giochi e letture animate per promuovere un uso consapevole della rete. È bene conoscere i vantaggi della rete, ma anche i pericoli in cui si potrebbe incorrere. Strumenti pratici per difendersi dal cyberbullo di turno e guardare in avanti verso i prossimi 30 anni di Internet!

2016-04-28
h09:00
Via Nomentana 355

Venerdì 15 aprile le tre classi di terza primaria hanno trascorso la giornata presso IQUII, una società che si occupa di applicazioni e mobile. La giornata è nata per soddisfare la curiosità di alcuni bambini su “chi è che mette le App nell’Apple Store”. Pertanto, i lavori svolti all’interno del #QuriosityCamp ideato da IQUII, hanno avuto l’obiettivo di costruire un’applicazione per squadra insieme ai ragazzi di questa società che abitualmente si occupano di applicazioni nel loro lavoro. La giornata è iniziata con un Lego Serious Play, dove i bambini sono stati condotti ad

ideare la loro applicazione tramite i mattoncini Lego. Questa metodologia ha proprio l’obiettivo di favorire la materializzazione delle idee, si è soliti dire “pensa con le mani”. Prima di pranzo ogni squadra aveva individuato qual era il tema dell’App che desiderava costruire. Subito dopo pranzo i ragazzi di IQUII si sono divisi nelle squadre ed hanno condotto i bambini alla creazione di un’App in 12 schermate, tramite dei blocchi colorati che costituivano i menù delle loro App. I bambini si sono divertiti tantissimo instaurando una bellissima relazione con i ragazzi di IQUII che timidamente si sono confrontati con loro. Spesso non ci rendiamo conto che i bambini sono i più tosti da avere davanti perché sono pieni di dubbi e domande. Il segreto consiste nel dar loro risposte e i ragazzi di IQUII hanno soddisfatto in pieno le richieste dei nostri bambini, sono stati bravissimi! Esperienza da ripetere sicuramente!

IMG_0108

IMG_0247

IMG_0245

IMG_0226

IMG_0221

 

IMG_0215

 

IMG_0196

 

 

 

IMG_0111

IMG_0110

IMG_0359

IMG_0386

IMG_0393

IMG_0358

 

IMG_0347

IMG_0346

IMG_0345

IMG_0332

IMG_0330

IMG_0329

IMG_0398

IMG_0380

IMG_0374

IMG_0369

IMG_0366

IMG_0363

IMG_0404

IMG_0400

 

IMG_0402

 

IMG_0401 (1)

IMG_1051 IMG_1052 IMG_1054 IMG_1055 IMG_1057 IMG_1058 IMG_1059 IMG_1061

 

 

 

IMG_1079

IMG_1078

IMG_1077

IMG_1076

IMG_1075

Costruire un quadro di civiltà

– Il progetto nasce dal bisogno di sapere chi siamo, dove, quando e come viviamo….con l’obiettivo di poter dare ai nostri bambini gli strumenti necessari per costruire e riconoscere un QUADRO DI CIVILTÀ !
Da qui la necessità di guidare la classe nella realizzazione del loro QUADRO DI CIVILTÀ, analizzandolo gradualmente, attraverso un lavoro operativo e partendo dalla loro vita: dal tempo in cui vivono e nel luogo dove succedono i fatti.
Così siamo usciti da scuola, abbiamo fatto un giro nel nostro quartiere provando a realizzare una mappa mentale percorrendo le strade adiacenti al nostro istituto, mappa che poi abbiamo messo in relazione con una vera carta topologica del quartiere comprendendone così ogni aspetto convenzionale.
Nel nostro giro i bambini si sono imbattuti in tutti quei servizi che soddisfano i bisogni dell’uomo che vive in questa parte di mondo, in questo preciso momento storico, delineandone, in qualche modo, attitudini, abitudini, peculiarità, necessità, cambiamenti e ideali.
Abbiamo sentito il bisogno di classificare questi che abbiamo chiamato “indicatori di civiltà”, con una mappa prima, con la costruzione di un cartellone poi. A coppie i bambini si sono occupati di un indicatore cercandone informazioni, immagini e curiosità da poter condividere nel piccolo e nel grande gruppo condividendo così le scoperte fatte!
Da questo scambio sono nati veri e propri processi di metacognizione e straordinarie capacità di senso critico fino all’elaborazione di un testo documentativo che ci ha fornito lo spunto per poter autovalutarci individuando punti critici e punti di forza del nostro progetto: La civiltà occidentale del XXI secolo.

dg-X dg-X-2 dg-X-4 dg-X-3 dg-X-6 dg-X-5 dg-X-8 dg-X-7 dg-X-10 dg-X-9 dg-X-11 dg-X-13 dg-X-12 dg-X-15 dg-X-14 dg-X-17 dg-X-16 dg-X-19 dg-X-18 dg-X-21 dg-X-20 dg-X-23 dg-X-22 dg-X-25 dg-X-24 dg-X-27 dg-X-26 dg-X-29 dg-X-28

Grade 5c is using the Tynker app to practice coding. It involves learning how to use programming codes to get characters to move and do certain actions in order to get through  a level!

IMG_2426 IMG_2427 IMG_2428 IMG_2431 IMG_2432 IMG_2433 IMG_2434 IMG_2436 IMG_2440

Da una parte c’è il libro, con le sue pagine di carta.
Dall’altra Twitter, gli hastag e i cinguettii virtuali.
Cosa hanno in comune questi due mondi?

#PippiTw

Clicca sull’immagine di seguito per vedere il pdf

tweet1

“Like the trees I will grow” – I bambini delle attuali quinte hanno partecipato al coro della canzone “Tall Trees (El Mozote nunca mas)”, registrato dai Closeaway per ricordare quanto avvenne nella Repubblica di El Salvador tra il 1980 e il 1992, quando un conflitto armato causò molte vittime tra l’intera popolazione.

Quest’anno il nostro GOAL è “That all may have life”, contribuire a questo progetto di solidarietà ci è sembrato una buona occasione per concretizzare tale obiettivo. Inoltre il testo della canzone è incentrato sul concetto di condivisione, che dà la forza a chi ha sofferto di ritrovare la speranza.

Il coro è stato registrato sotto la supervisione del maestro Michael Cascianelli e dell’autore della canzone Domenico Guida.